Sei qui: HomeServiziI SacramentiCresima

CRESIMA O CONFERMAZIONE

Il sacramento della confermazione, che imprime il carattere e per il quale i battezzati, proseguendo il cammino dell’iniziazione cristiana, sono arricchiti del dono dello Spirito Santo e vincolati più perfettamente alla Chiesa, corrobora coloro che lo ricevono e li obbliga più strettamente ad essere con le parole e le opere testimoni di Cristo e a diffondere e difendere la fede. È capace di ricevere la confermazione ogni battezzato e il solo battezzato, che non l’ha ancora ricevuta. Fuori del pericolo di morte per ricevere lecitamente la confermazione si richiede, se il fedele ha l’uso di ragione, che sia adeguatamente preparato, ben disposto e sia in grado di rinnovare le promesse battesimali.

I fedeli sono obbligati a ricevere tempestivamente questo sacramento;

i genitori e i pastori d’anime, soprattutto i parroci, provvedano affinché i fedeli siano bene istruiti per riceverlo e vi accedano a tempo opportuno.

Il confermando sia assistito per quanto è possibile dal padrino, il cui compito è provvedere che il confermato si comporti come vero testimone di Cristo e adempia fedelmente gli obblighi inerenti allo stesso sacramento. È conveniente che come padrino venga assunto colui che ebbe il medesimo incarico nel battesimo.

Da noi, la preparazione del sacramento che comincia dalla terza elementare si conclude, quando il ragazzo è pronto ad assumersi le responsabilità di cui parlano le disposizioni su riportate e dà garanzie sufficienti di continuare il cammino di formazione. Tutto il cammino vorrebbe essere molto esperienziale, prevedendo i momenti biblici, celebrativi, caritativi ed esplorativi sulla storia e i ministeri della Chiesa locale diocesi e parrocchia. La catechesi si sostanzia di questi momenti vissuti intensamente come “conditio sine qua non” per dire di sì a ragion veduta su quanto la Chiesa propone. Un cresimato non può essere iniziato in forma generica alla Chiesa, ma viene introdotto nella concreta Chiesa che è chiamato a servire con i doni dello Spirito datogli per la missione. Per questo nella fase immediatamente successiva alla celebrazione del sacramento si propone di iniziare e vivere momenti di volontariato in più momenti della vita liturgica, caritativa o educativa-profetica. Tutto questo per essere abilitato a ricevere un mandato dalla Chiesa ad esempio di quello di far da padrino o madrina ad un Battesimo o Cresima. I genitori, in questa fase di presa graduale di responsabilità da parte dei ragazzi, vengono pregati di verificare insieme con i catechisti e i parroci i requisiti del Cresimando e rimettono l’ammissione unicamente a giudizio dei catechisti e in definitiva al parroco, responsabile davanti al Vescovo.